Un cantiere di fratellanza tra cittadini del Mediterraneo

Avvenire · 11/04/2019

Il Mediterraneo è una finestra sul quale si affacciano terre di grande ricchezza e diversità, accomunate da traiettorie che si sono incrociate in un mare da tutti riconosciuto come ‘nostro’: Mare Nostrum è il suo antico nome latino. Come ha ricordato papa Francesco visitando la terra di don Tonino Bello, questo mare può essere un «arco di guerra teso », ma è chiamato a essere «un’arca di pace accogliente».  […] [Se ne] parlerà in un Seminario di studio dal titolo «Essere mediterranei» che si terrà nella sede romana della rivista La Civiltà Cattolica il 12 e il 13 aprile, e che si concluderà con una conferenza aperta al pubblico. […]

Leggi tutto l’intervento del nostro direttore su Avvenire.

Correlati

Essere mediterranei

La firma congiunta da parte di papa Francesco e dell’imam dell’Università islamica di al-Azhar, lo sceicco Ahmad al-Tayyib, della Dichiarazione sulla «fratellanza umana» ha rilanciato la domanda su che cosa significa essere cittadini, al di là delle secche delle tensioni...

I cittadini che fanno l’Europa

ABSTRACT – Alla vigilia delle elezioni europee alcuni sembrano mettere in discussione persino l’esistenza stessa di un processo di costruzione dell’Europa, che invece è stato – pur con tutti i suoi limiti – un fattore importante nella pacificazione del Continente....