Si apre lo scontro sul Global Compact, il patto sulle migrazioni che piace al Vaticano

Il Messaggero · 26/11/2018

Ha ancora senso fare distinzione  tra rifugiati e migranti economici?  I consiglieri di Papa Bergoglio si pongono questa domanda alla vigilia del Global Compact for Migration che verrà adottato dai capi di Stato a Marrakesh in Marocco i prossimi 10 e 11 dicembre. In un articolo su Civiltà Cattolica, i gesuiti del periodico che riflette gli orientamenti del Vaticano, scrivono: «Non ha senso fare distinzione, considerando che tutti in qualche modo fuggono dalla fame, dal disagio sociale, dai conflitti. In ogni caso, tutti sono persone meritevoli di protezione, in particolare da parte dei Paesi più ricchi. Questa risposta sembra demagogica, in qualche modo naïf, ma è vera, perché consente l’ingresso dell’1% della popolazione mondiale nel regno dell’umano». […]

Leggi tutto su Il Messaggero

 

Correlati

Il fenomeno dei migranti in Europa

ABSTRACT – La crisi dei rifugiati e dei migranti è realmente passata o quantomeno si è fortemente ridotta? La «stretta securitaria» in materia di immigrazione, decisa dai governi dell’Unione Europea negli ultimi due anni, è stata capace vera­mente di eliminare...