San Paolo, i Galati e l’esegeta protestante che divenne cattolico studiandoli

Aleteia · 17/06/2020

[…] Nell’ultimo numero de La Civiltà Cattolica lo stesso Giancarlo Pani ha ricordato la parabola esistenziale di un importante esegeta del XX secolo che ha compiuto a ritroso proprio il “Grand Tour” di Lutero: Heinrich Schlier. […] Nel 1949, egli scrisse un commento alla Lettera ai Galati per la prestigiosa collana protestante Meyers Kommentar, di cui costituisce il settimo volume. Il testo ha avuto un successo rilevante e numerose edizioni […] fino agli anni Settanta, da quando – in modo del tutto inconsueto – non è stato più pubblicato. […] Pani ricorda che in quelle pagine di fuoco – nelle quali Paolo erutta tanto indignato zelo da giungere ad augurare ai fanatici della circoncisione di ritrovarsi evirati! – si poneva per la prima volta nella nascente storia del cristianesimo la scottante domanda “bisogna farsi ebrei, per essere cristiani?”. […]

Leggi tutto su Aleteia.

Correlati

La Lettera ai Galati: «La verità del Vangelo»

Il contesto dell’articolo. Ogni tanto sembra riemergere nel dibattito e nella prassi ecclesiale una certa diffusa convinzione che in fondo sia il rispetto di norme religiose che salva, non l’incontro con Cristo e con il suo annuncio nella propria storia...