Il Congresso di Verona è il prodotto della critica all’ordine liberale

Il Foglio · 27/03/2019

[…] Il World Congress of Families si inserisce infatti nella dinamica delle culture war globali. L’esportazione di un modello tipicamente statunitense e conservatore-protestante di confronto sociale in cui la battaglia sociale si combatte in primis sul piano delle norme e della repressione dell’apparato statale e non sul piano culturale. Questo modello d’ingaggio, tipicamente statunitense si è, del tutto casualmente, imbattuto nelle profonde trasformazioni teologiche e politiche che avvenivano in Russia e nella Chiesa ortodossa russa. Ne è nato un mix unico che sulla sua strada ha poi incontrato quello che nell’ultimo quaderno della Civiltà Cattolica è definito come “l’ordine mondiale illiberale”. […]

Leggi tutto su Il Foglio

 

Correlati

Il cattolicesimo davanti all’ordine mondiale illiberale

ABSTRACT – L’ordine mondiale liberale (Liberal World Order), che si è svi­luppato alla fine della Seconda guerra mondiale – con istituzioni come le Nazioni Unite, la Banca mondiale, la Corte penale internazionale etc – ed è maturato dopo le rivoluzioni...