I passi della Chiesa in Amazzonia: cosa ci aspetta?

In Terris · 21/10/2019

[…] La questione amazzonica sollevata dal Sinodo è molto complessa e trovare un’unità non è semplice, a partire da un’analisi geografica. Se si guarda alla mappa della regione della Panamazzonica, s’intersecano ben nove Paesi con tradizioni e culture differenti. Andando a fondo della questione, i fattori che entrano in gioco sono sociali, politici ed ecologici. A una prima analisi, questa complessità può spaventare. Il Sinodo voluto da Papa Francesco, al contrario, rivela il vizio di fondo di un tale approccio settoriale, che vuole dividere i temi in compartimenti stagni. Tutti questi elementi, al contrario, acquistano una loro unità se letti alla luce del Vangelo. Lo aveva già affermato, poco tempo fa, il cardinale Claudio Hummes in un’intervista a padre Antonio Spadaro, direttore de La Civiltà Cattolica: “Oggi si parla molto dell’unità della Chiesa. È fondamentale, importantissima. Però, deve intendersi come unità che accoglie la diversità, secondo il modello della Santissima Trinità. Cioè, è altrettanto necessario evidenziare che l’unità non può mai distruggere la diversità. Il Sinodo, in concreto, accentua la diversità all’interno di quella grande unità. La diversità è la ricchezza dell’unità, la preserva dal farsi uniformità, dal fornire giustificazioni al controllo”. […]

Leggi tutto su In Terris

Correlati

Verso il Sinodo sull’Amazzonia

Il 15 ottobre 2017 papa Francesco ha convocato a Roma un Sinodo Speciale per la regione panamazzonica, indicando come principale obiettivo quello di «trovare nuove vie per l’evangelizzazione di quella porzione del popolo di Dio, in particolare le persone indigene,...