I gesuiti elogiano Guccini: “Canta il dubbio e i temi dell’umanità”

Globalist · 28/02/2019

Nel 1965 Francesco Guccini compose “Dio è morto”, che nella versione dei Nomadi raggiunse un gran successo, e la Rai censurò la canzone reputandola blasfema mentre Radio Vaticana la trasmetteva tranquillamente. Adesso la rivista gesuita “Civiltà cattolica” (quindi dello stesso ordine di Papa Francesco) elogia con parole sentite il musicista oggi scrittore emiliano. […]

Leggi tutto su Globalist

Correlati

Francesco Guccini. Canto notturno di un errante

ABSTRACT – Francesco Guccini, nato nel 1940, vissuto tra Modena, Bologna e Pàvana, rimane tra i più grandi cantautori italiani del dopoguerra. Una sua canzone – «Addio» (2000) – ci aiuta a enuncia­re e comprendere alcuni aspetti autobiografici: Figlio d’una...