«Chi si avvicina a partiti populisti e sette fondamentaliste si sente lasciato indietro»

L'Espresso · 05/02/2019

È rientrato dal recente viaggio a Panama, in cui ha accompagnato il pontefice, Antonio Spadaro. È direttore de La Civiltà Cattolica, interprete privilegiato della parola di Francesco, il cui papato ha definito «intimamente drammatico», alla luce di tempi turbolenti, animati dalla desolazione. Ne è testimonianza il recente volume di Bergoglio “Lettere della tribolazione” (edito da Àncora, a cura dello stesso Spadaro e di Diego Fares), un testo che risale a trent’anni fa e appare lucidamente attuale – meditazioni sulle parole di una crisi che sta coinvolgendo l’umanità e la Chiesa. E proprio su parole guida «per tornare a essere popolari» si è incentrata una recente proposta di padre Spadaro, in un editoriale pubblicato su “La Civiltà Cattolica”. […]

Leggi tutto sull’Espresso

«Chi si avvicina a partiti populisti e sette fondamentaliste si sente lasciato indietro»

Correlati

I cristiani che fanno l’Italia

Che posto ha il discepolato cristiano nel­la moderna società democratica? Come possono i cristiani contribuire a una sana democrazia e a un governo vera­mente popolare della nostra Italia? Per affrontare queste domande si è sviluppato un interessante dibattito sull’eredità di...

Tornare a essere popolari

In questo tempo di cambiamenti e conflitti che ci sfidano, non possiamo correre il rischio di seguire ciò che leggiamo nel Gattopardo: «Viviamo in una realtà mobile alla quale cerchiamo di adattarci come le alghe si piegano sotto la spinta...