Bergoglio, Draghi (e Cartabia). Solo un saluto ma guardando al futuro

Formiche · 28/03/2021

Papa Francesco, icona planetaria della vulnerabilità dell’uomo di fronte alla pandemia e testimone dell’affidamento totale a Cristo ai piedi della Croce. Mario Draghi, icona italiana di autorevolezza e competenza internazionale, alle prese con la difficile ricostruzione, economica e sociale, di un Paese smarrito e sospeso che registra, ancora una volta, le insufficienze delle politiche europee e la fragilità del pensiero politico italiano.[…]

Non lontano da questa visione di “servizio” appare il pensiero di Draghi che, nel suo discorso di insediamento, citò il papa. Visione che è da concretizzare, oggi più che mai, oltre che per le indicazioni politiche di questi primi mesi di governo (dove l’agenda la sta purtroppo dettando ancora il virus), attraverso ciò che, tempo fa, una rivista prestigiosa come Civiltà Cattolica, scrisse, all’indomani della nomina di Draghi all’Accademia Pontificia: “ È stato protagonista di una delle fasi più complesse della storia recente d’Europa. Il suo servizio come presidente della Bce è stato decisivo per salvare l’unione economica e monetaria, e grazie al suo contributo si presenta, oggi, la straordinaria opportunità di completarla”.[…]

Leggi tutto su Formiche.

Correlati

Il contributo di Mario Draghi all’Europa

Il 31 ottobre Mario Draghi ha concluso il suo mandato di presidente della Banca centrale europea (Bce). Gli succede Christine Lagarde, fino a pochi mesi fa alla guida del Fondo monetario internazionale e precedentemente ministro dell’Economia in Francia[1]. Giurista di...