America Latina, Iraq e Libano. L’autunno caldo per reinventare la democrazia

Formiche · 19/12/2019

C’è una frase dell’Esortazione Apostolica Evangelii Gaudium, pubblicata nel 2013, che pochi seppero leggere con l’attenzione che meritava: “In molte parti del mondo le città sono scenari di proteste di massa dove migliaia di abitanti reclamano libertà, partecipazione, giustizia e varie rivendicazioni che, se non vengono adeguatamente interpretate non si potranno mettere a tacere con la forza”. Erano gli anni della Primavera Araba e molti preferirono soffermarsi sulla diversità economico-sociale dei vari Paesi coinvolti. Una verità tanto indiscutibile quanto la verità che voleva celare: al fondo di quelle Primavere diverse c’era una richiesta comune.

Oggi, pochi mesi dopo nuove proteste che inondano il mondo, padre Giovanni Sale, sul nuovo numero della Civiltà Cattolica, ce le presenta insieme, senza ovviamente voler negare le diversità che contraddistinguono quanto accade in America Latina e quanto accade in Iraq o in Libano. […]

Leggi tutto su Formiche

Correlati

Le rivolte globali dell’«autunno caldo»

Il contesto dell’articolo. In varie parti del mondo molti giovani e meno giovani sono scesi in piazza in questi ultimi mesi contro i loro governi (sia autoritari, sia democratici). A questo proposito si è parlato di «autunno caldo». Perché l’articolo...