foto: iStock/spainter_vfx

UNA GLOBALIZZAZIONE DA GOVERNARE

Quaderno 4009

pag. 49 - 62

Anno 2017

Volume III

ABSTRACT – L’attuale processo di globalizzazione, con i suoi effetti positivi e negativi, è sostenibile? Avvenimenti come la Brexit o la vittoria di Donald Trump nella corsa per la presidenza degli Usa, con la sua rivisitazione della politica commerciale americana, pongono infatti implicitamente la globalizzazione al centro dell’attenzione mediatica, politica e accademica.

I punti di vista più rilevanti sull’attuale situazione possono essere raccolti in quattro gruppi.

  1. Gli sconfitti della globalizzazione stanno mostrando in maniera crescente la propria ostilità verso il commercio internazionale e le migrazioni. I difensori della globalizzazione dovrebbero riconoscere che la globalizzazione ha prodotto infatti degli sconfitti.
  2. Le forze politiche populiste stanno guadagnando peso elettorale. Sembra affermarsi lo Stato-nazione. Anni fa la Brexit o un candidato presidente come Trump sarebbero stati inimmaginabili.
  3. Il libero commercio e la riduzione delle tariffe doganali hanno generato un’enorme prosperità materiale, per esempio nell’Europa del dopoguerra; e hanno fatto anche sì che centinaia di milioni di persone, specie in Asia, siano uscite dalla povertà estrema. Ma ora la globalizzazione sta sperimentando i propri limiti.
  4. Le convulsioni politiche che stanno investendo le società sviluppate sono il frutto amaro di vent’anni di una globalizzazione finanziaria e commerciale senza controllo, accompagnata da un’ideologia cosmopolita, che ha spacciato per dogma l’affermazione secondo la quale tutti avrebbero goduto dei frutti della globalizzazione.

In estrema sintesi, il libero commercio che ha guidato l’attuale globalizzazione, lungi dal generare i meccanismi compensativi che si supponevano parte del processo, ha prodotto gruppi di vincitori e gruppi di sconfitti. I vincitori sono i milioni di persone di Paesi emergenti che sono usciti dall’estrema povertà, e anche i lavoratori di Paesi avanzati che sono impiegati in imprese competitive orientate all’esportazione, oltre ai beneficiari del rendimento del capitale; gli sconfitti sono i milioni di lavoratori industriali che hanno perso impieghi ben remunerati o hanno subìto tagli salariali.

Alla luce di ciò e dell’ampia reazione popolare a questa situazione, soltanto una globalizzazione intelligente, solidale e sostenibile potrà sussistere, rendendo possibili i vantaggi e scongiurando i gravi problemi distributivi e ambientali di questo processo.

Ciò ne richiede una gestione politica, e non soltanto a livello nazionale, ma soprattutto a livello internazionale.

********

A GLOBALIZATION TO GOVERN

This article aims to address the current process of globalization, its effects and its sustainability in the short term. After introducing and interpreting recent facts, the article exposes the positive and negative effects of globalization from theoretical and empirical perspectives. It concludes with a consideration on its political sustainability. Only an intelligent and solid globalization can exist, making the benefits possible and to forestall the serious distributive and environmental problems of this process. This requires political management, not only at a national level, but above all internationally.

Per leggere l’articolo integrale, acquista il quaderno 4009.

Acquista il Quaderno