Perché la bolla finanziaria del gas rischia di scoppiare e fare male

Avvenire · 14/09/2022

«Margin call » è il titolo del drammatico film che racconta le 24 ore che hanno preceduto il crollo di Wall Street del 2008 provocato dalla crisi dei mutui subprime. Margin call è la telefonata che nessuno di noi vorrebbe mai ricevere: un operatore di banca ci dice che la garanzia che abbiamo versato per acquistare ‘a prestito’ un pacchetto di titoli non è più sufficiente e che dobbiamo rafforzarla trovando altri soldi. […] Potrebbe essere, questa, la scintilla che fa scoppiare una malaugurata nuova crisi finanziaria? Il rischio c’è soprattutto dopo l’azione di rialzo dei tassi da parte di Fed e Bce che potrebbe indurre come primo effetto una recessione e come secondo, e più grave, lo scoppio della bolla finanziaria che si sta gonfiando. Del rischio-tassi ha parlato l’economista Gaël Giraud, della Georgetown University, in un lungo saggio pubblicato sull’ultimo numero di ‘Civiltà cattolica’ e anticipato da ‘Avvenire’, dal titolo ‘Verso una crisi finanziaria globale?’. La risposta, allarmata e allarmante, è purtroppo sì. L’aumento dei tassi, dice Giraud, ci espone «al rischio di un nuovo crollo forse peggiore di quello del 2007-2009». […]

Leggi tutto su Avvenire.

Correlati

Verso una prossima crisi finanziaria globale?

L’inflazione globale non è stata in alcun modo prevista dagli economisti. Nella maggior parte dei Paesi industrializzati ora raggiunge l’8% su base annua e promette di accompagnarci nei prossimi mesi e forse anche nei prossimi anni. Nella misura in cui...