Incompletezza, inquietudine, immaginazione. E Bergoglio rilancia il vivere insieme

Formiche · 11/05/2018

Il 9 febbraio del 2017, quando Papa Francesco ha ricevuto il collegio degli scrittori de La Civiltà Cattolica per ricordargli l’importanza di “inquietudine”, “incompletezza” e “immaginazione”, è un giorno da ricordare e legare al 6 agosto del 1964, quando Paolo VI firmò l’enciclica Ecclesiam Suam e al 25 ottobre 1965, quando lo stesso insieme ai padri conciliari diede alle stampe la dichiarazione Nostra Aetate […] siamo davanti a un discorso epocale e globale, che spiega il cattolicesimo parlando all’uomo moderno, indicando la strada per dare finalmente un’anima alla globalizzazione. Un’etica globale ci chiede di riconoscere il leader morale globale e di assumere il suo metodo, inquietudine, incompletezza, immaginazione e quindi il coraggio di andare lontani da porti sicuri.

Leggi tutto sul sito di Formiche

Correlati

Papa Francesco incontra «La Civiltà Cattolica» in occasione della pubblicazione del fascicolo 4000

Giovedì 9 febbraio, alle ore 10,10, papa Francesco ha ricevuto in udienza, nel suo studio del Palazzo apostolico, il p. Arturo Sosa, Preposito generale della Compagnia di Gesù, e il p. Antonio Spadaro, direttore de «La Civiltà Cattolica». Dopo questo...