Il gesuita Fantuzzi: «La virtù di Bertolucci? Sentirsi sempre imperfetto»

Avvenire · 27/11/2018

«Ho sempre intravisto nel mio amico Bernardo l’irrequietudine di un uomo che si sentiva un privilegiato che proveniva dalla “Parma bene”. E che in fondo, nonostante i premi e gli attestati unanimi del mondo del cinema, ha percepito tutta la sua produzione artistica come qualcosa di imperfetto, di incompiuto, “irrisolto”. E la sua vita è molto simile a quell’immagine del “fico sterile” del Vangelo di Luca rispetto ai doni e talenti ricevuti…».

È il primo ricordo che affiora dalla mente del critico cinematografico de “La Civiltà Cattolica” il gesuita mantovano, classe 1937, Virgilio Fantuzzi. […]

Leggi tutto su Avvenire

Correlati

Luce in sala

VIRGILIO FANTUZZI Luce in sala. La ricerca del divino nel cinema Milano, Àncora, 2018, 196, € 18,00. Questo è un libro importante non solo per i lettori, ma anche per lo stesso A., perché è il frutto della fatica di...

«Io e te», un film di Bernardo Bertolucci

La massa di capelli riccioluti e arruffati di un adolescente con il capo abbassato tra le spalle appare di lato sullo sfondo di una libreria. L’adolescente è Lorenzo (Jacopo Olmo Antinori), protagonista del film Io e te di Bernardo Bertolucci....