I cattolici e popolarismo. Perché l’urgenza di un sinodo per l’Italia

Formiche · 15/08/2019

Mentre la crisi politica sembra addentrarsi in una terra incognita che coinvolge forme e sostanza tornano decisive e premonitrici alla mente le parole pronunciate dal presidente Sergio Mattarella nel suo discorso di fine anno: “Sentirsi ‘comunità’ significa condividere valori, prospettive, diritti e doveri. Significa ‘pensarsi’ dentro un futuro comune, da costruire insieme. Significa responsabilità, perché ciascuno di noi è, in misura più o meno grande, protagonista del futuro del nostro Paese. Vuol dire anche essere rispettosi gli uni degli altri. Vuol dire essere consapevoli degli elementi che ci uniscono e nel battersi, come è giusto, per le proprie idee rifiutare l’astio, l’insulto, l’intolleranza, che creano ostilità e timore”. […] In questi giorni il direttore de La Civiltà Cattolica, padre Antonio Spadaro, sul suo account twitter ha riproposto l’articolo con cui su Civiltà Cattolica avviò l’argomentazione dell’idea, oggi indispensabile, di un sinodo della Chiesa in Italia. Lo fanno in Germania, dove i problemi sono rilevanti ma non quanto in Italia. E qui?

Era il 2 febbraio del 2019 quando padre Spadaro ricordava quanto detto da Papa Francesco al V convegno della Chiesa italiana di Firenze, nel 2015 […]

Leggi tutto su Formiche

 

Correlati

I cristiani che fanno l’Italia

Che posto ha il discepolato cristiano nel­la moderna società democratica? Come possono i cristiani contribuire a una sana democrazia e a un governo vera­mente popolare della nostra Italia? Per affrontare queste domande si è sviluppato un interessante dibattito sull’eredità di...