È il principio di sussidiarietà che ridurrà le ineguaglianze, non l’esproprio globale

Il Foglio · 04/06/2020

Nella “Lettera ai movimenti popolari”, pubblicata il 12 aprile 2020, giorno in cui i cristiani hanno festeggiato la Pasqua, Papa Francesco ha chiesto l’istituzione di una retribuzione universale di base: “Forse è giunto il momento di pensare a una forma di retribuzione universale di base che riconosca e dia dignità ai nobili e insostituibili compiti che svolgete […] nessun lavoratore senza diritti”. La lettera di Papa Francesco è stata recentemente commentata dal padre gesuita Gaël Giraud sul quaderno 4079 de La Civiltà Cattolica. […]

Leggi tutto (paywall) su Il Foglio.

 

Correlati

Una «retribuzione universale»

Nella sua Lettera ai movimenti popolari, pubblicata nel giorno di Pasqua, il 12 aprile 2020, papa Francesco ha chiesto l’istituzione di una «retribuzione universale» di base: «Forse è giunto il momento di pensare a una forma di retribuzione universale di...