Coronavirus. I numeri, la memoria, le domande

Articolo21 · 25/03/2020

Le parole possono costruire muri o ponti, lo sappiamo. Ma anche i numeri possono avere questa doppia funzione: chiuderci sempre più nell’angoscia o aiutarci ad alzare lo sguardo oltre il nostro orizzonte più circoscritto. Il richiamo che ci fa la Carta di Assisi – “impariamo il bene di dare i numeri giusti” – torna alla mente leggendo l’intervista di Riccardo Cristiano a padre Antonio Spadaro. Quanti di noi avrebbero saputo dire che nel 2018 – secondo le stime dell’Organizzazione Mondiale della Sanità riportate da La Civiltà Cattolica – malattie ‘banali’ come la malaria e la tubercolosi hanno ucciso rispettivamente 435mila e 1milione 200mila persone? E un altro numero è finalmente emerso: quello dei tagli che in pochi decenni hanno falcidiato la nostra sanità pubblica. 39 miliardi: cifra clamorosa, ad ascoltarla e a leggerla adesso. Ma faccio parte dei tanti che non hanno reagito con particolare scandalo quando questo totale che oggi ci opprime veniva messo insieme, sforbiciata dopo sforbiciata. […]

Leggi tutto su Articolo21.

Correlati

Vivere ai tempi del coronavirus

Pochi anni dopo aver ricevuto il premio Nobel per la letteratura nel 1982, lo scrittore colombiano Gabriel García Márquez pubblicò il romanzo L’ amore ai tempi del colera[1]. Anni prima, il medico svedese Axel Munthe, accorso a Napoli nel 1884...