civiltà cattolica
«AMORIS LAETITIA»
Struttura e significato dell'Esortazione apostolica
post-sinodale di Papa Francesco

Antonio Spadaro S.I.

Amoris laetitia è il titolo dell'Esortazione apostolica post-sinodale di Papa Francesco, firmata il 19 marzo 2016 e pubblicata il successivo 8 aprile. Il titolo dice l'ispirazione positiva e aperta propria dell'ampio e ricco documento. La preoccupazione fondamentale del Pontefice è quella di ricontestualizzare la dottrina al servizio della missione pastorale della Chiesa. Il linguaggio e le tematiche trattate sono permeate da un profonda aderenza all'esperienza quotidiana, fornendo vie pastorali che orientano a costruire famiglie solide e feconde secondo il piano di Dio. Si fornisce inoltre un'ampia riflessione sull'educazione dei figli e sulla spiritualità familiare. Andando al di là di ogni idealismo, l'Esortazione invita alla misericordia e al discernimento anche davanti a situazioni che non rispondono pienamente a quello che il Signore ci propone, riproponendo la centralità della coscienza e la gradualità nell'approccio pastorale.



SOMMARIO
Nell’ultima pubblicazione - n° 3981 del 14/05/2016
Articolo. «AMORIS LAETITIA» E IL RINNOVAMENTO DEL LINGUAGGIO ECCLESIALE -
Articolo. LA DOTTRINA AL SERVIZIO DELLA MISSIONE PASTORALE DELLA CHIESA -
Articolo. ROMA E COSTANTINOPOLI SI INCONTRANO A LESBO. L'ECUMENISMO DELLE FRONTIERE -
Focus. I PROFUGHI IN EUROPA E LA «VIA CRUCIS» DELL'ACCOGLIENZA -
Focus. LE VITTIME DEI REATI E IL LORO DOLORE -
Arte Musica Spettacolo. LA TESTIMONIANZA DI WILLIAM SHAKESPEARE -
Arte Musica Spettacolo. GIANMARIA TESTA, IL CANTO DEL VIAGGIATORE -
Arte Musica Spettacolo. «IL FIGLIO DI SAUL», UN FILM DI LÁSZLÓ NEMES -
Rassegna bibliografica. RASSEGNA BIBLIOGRAFICA -
Articolo
«AMORIS LAETITIA» E IL RINNOVAMENTO DEL LINGUAGGIO ECCLESIALE
Diego Javier Fares S.I.

Amoris laetitia è un avvenimento linguistico. Qualcosa è cambiato nel discorso ecclesiale. Per questo è interessante riflettere sul linguaggio familiare con cui il Papa dà forma alla sua Esortazione. Per parlare della famiglia e alle famiglie, il problema non è quello di cambiare la dottrina, ma di inculturare i princìpi generali. Il linguaggio della misericordia, presente in Amoris laetitia, incarna la verità nella vita di ogni persona e di ogni famiglia. L’obiettività della verità non viene minacciata dal fatto che essa si incarni nella vita di una famiglia particolare e concreta; al contrario, lasciando il regno dell’astratto, la verità si fa carne e cammina con noi, dando vita alle famiglie reali.

© Civiltà Cattolica pag.209-222


News


29/04/2016

Le nostre conferenze si possono seguire in tempo reale oppure rivedere digitando il seguente link

livestream.com/laciviltacattolica

--------------------------------------------------------------

 




20/04/2015
AVVISO SULL'EDIZIONE DIGITALE PER TABLET/SMARTPHONE

 

Gli abbonati (attuali e futuri) potranno consultare la rivista non solamente su carta ma anche in formato digitale su tutti i tablet con applicazioni su iPad, iPhone, Android, Kindle Fire e Windows 8. 
Tutti i lettori con un solo abbonamento potranno dunque leggerla sia in formato cartaceo sia in quello digitale.

Gli abbonati (attuali e futuri) riceveranno per posta o con e-mail la coppia di codici UserID e Password per accedere all'edizione digitale.
 
Se Lei è giá in possesso di un tablet o di uno smartphone, ecco come procedere:
 
1) Occorre innanzitutto scaricare l'applicazione chiamata "Civiltà Cattolica" gratuitamente dai vari App Store (iTunes, Google Play, Windows Store e App-Shop);
 
2) Una volta avviata l'applicazione, occorre selezionare il pulsante "Login Abbonati";
 
3) A questo punto si deve inserire la coppia di dati in suo possesso.
 
E' disponibile un numero gratuito che non richiede alcun codice per essere letto
 





Richiedi un numero della rivista gratis. Inviaci una mail all'indirizzo civcatt@laciviltacattolica.it





© LA CIVILTÀ CATTOLICA 2016 Partita iva 00946771003 Iscrizione R.O.C. n. 6608
CONDIZIONI DI VENDITA
«Tutti i diritti sono riservati. È vietata la riproduzione dei testi, anche parziale, con qualsiasi mezzo,
compresa la memorizzazione elettronica, se non espressamente autorizzata per iscritto»