I giornalisti che remano insieme al Papa

credere.it · 23/02/2017

È una delle comunità più singolari dei Gesuiti, quella dei religiosi che da Villa Malta a Roma realizzano la nota rivista, giunta ora al numero 4.000.

Giornalisti un po’ speciali, con uno stile di lavoro vagamente monastico, papa Francesco li ha chiamati «lavoratori», preferendo alla definizione di Leone XIII, «emeriti studiosi», quella di padre Curci. Così infatti il fondatore di La Civiltà Cattolica vedeva i Gesuiti della sua redazione, quel «Collegio degli scrittori» che dal 1850 nei suoi articoli analizza, riflette e accompagna la storia della società e della Chiesa a 360 gradi, lavorando a stretto contatto con la Santa Sede (tanto che le bozze della rivista sono approvate dalla Segreteria di Stato).

Leggi tutto

Correlati

Discorso del Santo Padre Francesco alla comunità de "La Civiltà Cattolica"

Cari scrittori del Collegio della Civiltà Cattolica, cari collaboratori laici, sono contento di incontrarvi insieme agli altri gesuiti della Comunità, alle suore e a tutti coloro che collaborano con voi nella vita della rivista e nell’amministrazione della casa nella quale...

Quattromila quaderni de «La Civiltà Cattolica»

Da 167 anni, cioè sin dal 1850, La Civiltà Cattolica intende offrire ai suoi lettori la condivisione di un’esperienza intellettuale illuminata dalla fede cristiana e profondamente innestata nella vita culturale, sociale e politica dei nostri giorni. Con il presente quaderno...