Corea, l’arcivescovo Kim: c’è chi alimenta la tensione per fare affari

Vatican Insider · 20/10/2017

La Corea del Nord del presidente Kim Jong-un – quello che Trump sbertuccia chiamandolo “Rocket Man, l’uomo-razzo” – lo scorso giugno aveva convocato a Pyongyang i leader delle sette maggiori religioni presenti nella Penisola coreana. Ma l’appuntamento è saltato dopo la decisione dell’Onu di inasprire le sanzioni contro il regime nord-coreano, e l’invito ai capi religiosi è stato rinviato. Lo riferisce Hyginus Kim Hee-Joong, arcivescovo cattolico di Gwangju e presidente della Conferenza episcopale coreana, nell’intervista pubblicata sull’ultimo numero de La Civiltà Cattolica.

Leggi tutto sul sito de La Stampa
Also in ENGLISH

Correlati

Presente e futuro della Corea

ABSTRACT – La missione della Chiesa in Corea; il significato remoto e prossimo dell’escalation di tensione che ha al centro la Corea del Nord; la necessità che tra Santa Sede e Cina cresca una nuova fiducia reciproca dopo le epoche...