Con “Silence” Scorsese raggiunge il cuore di ciò lo ha spinto a diventare un cineasta (Antonio Monda)

Huffingtonpost.it · 12/12/2016

Lo confesso: avevo paura di vedere Silence. Perché sapevo che Martin Scorsese ha aspettato trent’anni prima di riuscire a realizzarlo, e l’ha considerato, sin dalla genesi del progetto, il suo film più personale, quello che avrebbe rivelato in maniera esplicita e irreversibile i suoi aneliti più profondi.

…..

Raccomando a chiunque andrà a vedere questo film di leggere la straordinaria intervista concessa ad Antonio Spadaro su La Civiltà Cattolica: è una delle primissime volte, e certamente la più ricca e profonda (l’intervista è lunga ben 22 pagine) in cui Scorsese limita al minimo il suo approccio da cinefilo, così come le spiegazioni entusiaste degli aspetti formali del cinema che ama e realizza, parlando invece delle motivazioni più profonde che lo hanno portato a esprimersi in maniera così diretta e necessaria (…).

(Leggi tutto)

Correlati

ESCLUSIVO | «SILENCE». Intervista a Martin Scorsese

Il 3 marzo 2016 ho suonato il campanello a casa Scorsese a New York: una giornata fredda, ma luminosa. Erano le 13,00. Vengo accolto in cucina, come in famiglia. La persona che mi fa entrare mi chiede se voglio un...