civiltà cattolica
LA NOSTRA STORIA
L'idea

L’idea che spinse alla fondazione della rivista
Ispiratore della e primo direttore rivista fu il padre Carlo Maria Curci, ma a volerla fu soprattutto Papa Pio IX (in quel momento esule a Gaeta).
L’idea che spinse alla fondazione della rivista fu quella di difendere «la civiltà cattolica», come allora la si concepiva, minacciata dai nemici della Chiesa, in particolare dai liberali e dai massoni, che andavano ispirando molte linee portanti dell’Italia risorgimentale.
La nuova rivista, a cui collaboravano uomini di grande valore, come il padre Luigi Taparelli d’Azeglio (fratello di Massimo), il padre Antonio Bresciani, il padre Matteo Liberatore, ebbe subito un notevole successo.
Del primo fascicolo, stampato in 4.200 copie, si dovettero fare ben sette successive edizioni.
Dopo quattro anni la tiratura salì a 13.000 copie: numero notevole per l’epoca, tanto che il tipografo dovette acquistare in Inghilterra una «macchina celere» in sostituzione di quella per la stampa a mano.

Sfoglia l'articolo



News


23/01/2016

Le nostre conferenze si possono seguire in tempo reale oppure rivedere digitando il seguente link

livestream.com/laciviltacattolica

--------------------------------------------------------------

 




23/01/2016

Sabato 23 gennaio alle ore 18,00

si terrà nella nostra sede una tavola rotonda sul tema:

MARTIN LUTERO: 500 ANNI DALLA RIFORMA

Relatori:

P. Giancarlo Pani S.I., scrittore de La Civiltà Cattolica

Dr. Jens-Martin Kruse, pastore della Chiesa Evangelica Luterana in Italia

Moderatore:

P. Francesco Occhetta S.I., scrittore de La Civiltà Cattolica

Alle 17,15 verrà celebrata la S. Messa

 






Richiedi un numero della rivista gratis. Inviaci una mail all'indirizzo civcatt@laciviltacattolica.it





© LA CIVILTÀ CATTOLICA 2016 Partita iva 00946771003 Iscrizione R.O.C. n. 6608
CONDIZIONI DI VENDITA
«Tutti i diritti sono riservati. È vietata la riproduzione dei testi, anche parziale, con qualsiasi mezzo,
compresa la memorizzazione elettronica, se non espressamente autorizzata per iscritto»