civiltà cattolica
LA NOSTRA STORIA
La struttura della rivista

La Civiltà Cattolica è la più antica di tutte le riviste italiane ancora attive. E' stata fondata a Napoli da un gruppo di gesuiti italiani e il primo numero è stato stampato il 6 aprile 1850. 

La rivista esce il primo e il terzo sabato del mese (24 quaderni l’anno per complessive 2.500 pagine in 4 volumi) e offre:

a) un editoriale che affronta problemi significativi per la vita dell’uomo e della donna, della società e della Chiesa;

b) articoli di formazione e riflessione teologica, filosofica, morale, sociale, politica e letteraria;

c) note e commenti, che, a partire da interventi sulla stampa o da libri, presentano una lettura cattolica per una coscienza meglio informata in grado di decidere più liberamente;

d) tre servizi di cronaca: vita ecclesiale, Italia ed estero;

e) la rubrica bibliografica con recensioni e segnalazioni, una scheda di presentazione di un film o di una rappresentazione teatrale.



News


21/05/2016

Sabato 21 maggio ore 18,00

tavola rotonda sul tema:

LA RIFORMA COSTITUZIONALE

un discernimento per il referendum

relatori

UGO DE SIERVO, professore ordinario di diritto costituzionale, già presidente della Corte costituzionale

FRANCO PIZZETTI, professore ordinario di diritto costituzionale a Torino e docente alla Luiss, già presidente del Garante della protezione dei dati personali

moderatore

P. FRANCESCO OCCHETTA S.I., scrittore de La Civiltà Cattolica

Alle 17,15 verrà celebrata la S. Messa

La S.V. è invitata a partecipare 




29/04/2016

Le nostre conferenze si possono seguire in tempo reale oppure rivedere digitando il seguente link

livestream.com/laciviltacattolica

--------------------------------------------------------------

 






Richiedi un numero della rivista gratis. Inviaci una mail all'indirizzo civcatt@laciviltacattolica.it





© LA CIVILTÀ CATTOLICA 2016 Partita iva 00946771003 Iscrizione R.O.C. n. 6608
CONDIZIONI DI VENDITA
«Tutti i diritti sono riservati. È vietata la riproduzione dei testi, anche parziale, con qualsiasi mezzo,
compresa la memorizzazione elettronica, se non espressamente autorizzata per iscritto»