civiltà cattolica
CHI SIAMO

Il Collegio degli scrittori della Civiltà Cattolica è costituito interamente da padri gesuiti, attualmente è così composto:

 

Antonio Spadaro S.I.direttore
Giovanni Cucci S.I.filosofia e psicologia
Luciano Larivera S.I.economia, cronaca estera
Francesco Occhetta S.I.diritto e sociale
Giancarlo Pani S.I.letteratura
Domenico Ronchitelli S.I.caporedattore
Giovanni Sale S.I.

storia

Pierre de Charentenay S.I. 
  

 

 

Scrittori emeriti:

Virgilio Fantuzzi S.I. 

GianPaolo Salvini S.I.

Giandomenico Mucci S.I.

 

 

 aggiornato al 21 novembre 2014

 

 



News


29/04/2016

Le nostre conferenze si possono seguire in tempo reale oppure rivedere digitando il seguente link

livestream.com/laciviltacattolica

--------------------------------------------------------------

 




20/04/2015
AVVISO SULL'EDIZIONE DIGITALE PER TABLET/SMARTPHONE

 

Gli abbonati (attuali e futuri) potranno consultare la rivista non solamente su carta ma anche in formato digitale su tutti i tablet con applicazioni su iPad, iPhone, Android, Kindle Fire e Windows 8. 
Tutti i lettori con un solo abbonamento potranno dunque leggerla sia in formato cartaceo sia in quello digitale.

Gli abbonati (attuali e futuri) riceveranno per posta o con e-mail la coppia di codici UserID e Password per accedere all'edizione digitale.
 
Se Lei è giá in possesso di un tablet o di uno smartphone, ecco come procedere:
 
1) Occorre innanzitutto scaricare l'applicazione chiamata "Civiltà Cattolica" gratuitamente dai vari App Store (iTunes, Google Play, Windows Store e App-Shop);
 
2) Una volta avviata l'applicazione, occorre selezionare il pulsante "Login Abbonati";
 
3) A questo punto si deve inserire la coppia di dati in suo possesso.
 
E' disponibile un numero gratuito che non richiede alcun codice per essere letto
 





Richiedi un numero della rivista gratis. Inviaci una mail all'indirizzo civcatt@laciviltacattolica.it





© LA CIVILTÀ CATTOLICA 2016 Partita iva 00946771003 Iscrizione R.O.C. n. 6608
CONDIZIONI DI VENDITA
«Tutti i diritti sono riservati. È vietata la riproduzione dei testi, anche parziale, con qualsiasi mezzo,
compresa la memorizzazione elettronica, se non espressamente autorizzata per iscritto»