XU GUANGQI

Il compagno cinese di Matteo Ricci

Quaderno 3975

pag. 282 - 297

Anno 2016

Volume I

Xu Guangqi (1562-1633), di Shanghai, vissuto nel periodo conclusivo della dinastia Ming, fu un raro talento nella sua epoca. Fu esperto in matematica, in astronomia, in idraulica, in agricoltura, e anche in esercitazioni di guerra; fu letterato e politico, ricoprendo importanti cariche di governo.

Nei 71 anni della sua vita seppe essere trasparente, retto e semplice. Conobbe Matteo Ricci e collaborò con lui. Ricevette il battesimo all’età di 41 anni. Da allora studiò approfonditamente la dottrina cristiana e giunse alla conclusione che il cristianesimo predicato dai missionari non era contrario al confucianesimo, ma soltanto aggiungeva ad esso ciò che gli mancava.

L’Autore di questo articolo, dopo aver trascorso 27 anni di reclusione, fu consacrato vescovo di Shanghai nel 1985 senza mandato pontificio, che però gli fu concesso nel 2005 da Papa Benedetto XVI.

Acquista il Quaderno

Letterati confuciani e primi gesuiti in Cina

Il gesuita Matteo Ricci (1552–1610) rappresenta un punto di svolta nella conoscenza della Cina e del dialogo interreligioso. Uno dei concetti base per poter portare avanti la sua missione fu quello dell’amicizia, tanto da pubblicare nel 1601 a Pechino un...

Il «Kuangchi Program Service» e la televisione cinese

Quattro secoli fa, i primi gesuiti si affacciavano alle porte dell’impero cinese. La dinastia Ming era ormai nella sua parabola discendente, e gli eunuchi di corte stavano prendendo il sopravvento sui consiglieri più intelligenti e lungimiranti. Proprio in quell’epoca, durante...