VINCERÀ LA PACE NELLO SRI LANKA?

Quaderno 3818

pag. 193

Anno 2009

Volume III

Il 18 maggio scorso il presidente dello Sri Lanka, Mahinda Rajapaksa, dichiarava la vittoria contro le Tigri Tamil e l’uccisione del loro leader, Velupillai Prabhakaran. La sconfitta è dovuta alla supremazia militare governativa e agli appoggi stranieri a Rajapaksa. I tamil non hanno ottenuto nulla dopo 27 anni di guerra civile, preceduti da un decennio di sanguinosi attentati terroristici, e circa 100.000 morti. La pace civile non sarà facile da realizzare per la crescente influenza dei monaci buddisti ultranazionalisti. Adesso c’è l’urgenza di assistere 300.000 sfollati nei campi profughi; ma l’obiettivo di fondo è realizzare una formula politica che ispiri fiducia e promuova un senso di appartenenza nazionale anche dei gruppi minoritari.

Acquista il Quaderno