VERSO UN UMANESIMO MEDITERRANEO

Quaderno 3644

pag. 158

Anno 2002

Volume II

Nel 1995 con la Dichiarazione di Barcellona si è avviato un processo di collaborazione tra i Paesi della sponda nord e della sponda sud del Mediterraneo. L’Autore, della Pontificia Università Gregoriana, rileva che le intese vanno cercate non solo sul piano economico e politico, ma anche su quello culturale, a partire dalle radici comuni. Oggi molti pericoli minacciano la civiltà mediterranea, tra cui lo squilibrio demografico, l’ateismo dilagante, il degrado morale. Per superarli è necessario che i diversi popoli considerino quello che li unisce più di quello che li divide, a partire dalla concezione di Dio.

Acquista il Quaderno