foto: Jens Cederskjold

TRA L’OSCURITÀ E LA LUCE

Gli itinerari di Leonard Cohen

Quaderno 4009

pag. 80 - 93

Anno 2017

Volume III

ABSTRACT – Il 7 novembre 2016 si è spento a Los Angeles Leonard Cohen, cantautore, poeta e scrittore canadese. Da poche settimane aveva pubblicato il suo ultimo lavoro discografico, intitolato You Want It Darker, uscito il 21 ottobre 2016, appena alcuni giorni dopo l’assegnazione del premio Nobel per la letteratura a Bob Dylan. Pur avendo essi condiviso la medesima strada della canzone, della poesia e della scrittura, tra i due artisti – accomunati dall’origine ebraica – vi è una poetica e un modo di osservare la realtà molto differente: se la scrittura di Bob Dylan nasce all’interno della tradizione dei folk singer americani, dal racconto narrativamente crudo e impetuoso, Leonard Cohen elabora una poetica introspettiva, che si incontra con l’immaginario biblico e con la cultura tradizionale ebraica, che viene permeata e riletta dalle esperienze vitali dell’autore.

Il cantautore canadese sin da bambino fu educato alla bellezza della parola scritta, alla cultura e alla religione ebraica, grazie all’assidua frequentazione del nonno Rabbi Salomon Klinitsky-Klein. La lettura della Bibbia segnerà il cuore di Leonard Cohen, come pure il suo stile di scrittura, che sarà intriso di metafore, personaggi, continui rimandi alla religione ebraica. Il suo modo di raccontare le storie, i sentimenti, le passioni si collocherà all’interno di un sentire religioso che affonda le radici proprio nel suo essere ebreo: un ebreo errante che desidera restare tale.

Nella visione antropologica di Cohen, l’essere umano non è solo legato a questo hic et nunc che spesso lo tiene in scacco: esiste un «oltre» verso cui tendere. Ma anche questo «oltre» va attraversato, incontrato.

Nella vita, il cantautore canadese si è sempre confrontato anche in maniera molto dialettica e sofferta con la fede e con la religione o, meglio, con le religioni. Ed è proprio la fede, intesa come relazione tra Dio e l’uomo, che Cohen indagherà fino agli ultimi giorni: una riflessione dai toni serrati e concisi, ma di sublime intensità, che pervade tutta la sua ultima opera musicale, appunto You Want It Darker. È l’album decisivo, che non solo riassume la carriera e la vita di Cohen, ma si confronta con il senso del limite umano: la morte.

In tutti i suoi lavori, Cohen mostra come la tensione dinamica degli opposti – quali vita e morte, oscurità e luce – faccia parte dell’universo umano e diventi luogo esistenziale che l’uomo è chiamato ad attraversare per essere pienamente se stesso.

********

BETWEEN DARK AND LIGHT. The itineraries of Leonard Cohen

On November 7, 2016, Leonard Cohen, Canadian writer, poet and writer, died in Los Angeles. Shortly before his death, he had published his latest record, entitled You Want It Darker. It is the decisive album, which not only sums up his career and his life, but it challenges the sense of the human limit: death. In all his works, Cohen shows how the dynamic tension of opposites – such as life and death, darkness and light – form part of the human universe and become an existential place which man is called to cross so as to be fully himself.

Per leggere l’articolo integrale, acquista il quaderno 4009.

Acquista il Quaderno

Bob Dylan. La canzone soffia ancora nel vento

ABSTRACT — Non è facile provare a confrontarsi con la figura di Bob Dylan, personaggio inafferrabile, contraddittorio, menestrello, poeta, forse profeta, sicuramente artista che sta più in là del tempo che vive. Nell’intenzione di accostarsi alla sua figura, conviene rifarsi...