SULLA LAICITÀ DELLO STATO

Quaderno 3620

pag. 133

Anno 2001

Volume II

Di recente si è tornati a parlare di «laicità» dello Stato, cioè del principio secondo il quale si devono svolgere le relazioni tra lo Stato (nelle varie forme in cui si esplica la sua funzione) e le istanze religiose presenti nella società civile. Siccome però gli opinionisti mostrano di rifarsi a nozioni diverse di questo principio, l’articolo cerca di mettere a fuoco la nozione di laicità dal punto di vista prevalentemente giuridico, quale risulta dall’ordinamento italiano, tenuto conto sia del dato positivo, sia della sua interpretazione da parte della giurisprudenza delle alte Corti, per poterne poi vagliare la tenuta di fronte ai nuovi problemi etici.

Acquista il Quaderno