SPAZIO E COSMOLOGIA NEL PENSIERO DI KANT

Quaderno 3886

pag. 353

Anno 2012

Volume II

Uno dei primi filosofi a riflettere sui concetti di spazio e tempo in sintonia con la nuova fisica nata con Galileo e Newton è stato Kant. Fin dalle sue opere giovanili, egli procede sulla via dell’indagine tenendo sempre unite tra loro la questione cosmologica e quella spaziale. Dopo essersi distanziato da Leibniz e aver concepito lo spazio come «la forma a priori del senso esterno del soggetto conoscente», nella Critica della ragion pura affronta la questione cruciale dell’estensione dell’universo. Per Kant non è possibile impiegare l’idea di spazio in riferimento a entità, come l’universo, che trascendono i limiti dell’esperienza sensibile. D’altra parte egli evita anche di cadere nello scetticismo di Hume. L’articolo si conclude con una riflessione sui rapporti tra spazialità kantiana e teoria della relatività. Gli Autori sono G. Gionti, fisico alla Specola Vaticana di Castelgandolfo, e A. Sgroi, professore a contratto di Filosofia all’Università di Catania.

Acquista il Quaderno