SOCIETÀ E POLITICA: IN DIALOGO CON BAUMAN

Quaderno 3931

pag. 48

Anno 2014

Volume II

Per quale ragione la società non riesce a rigenerare la fiducia verso la politica? Se, da una parte, i partiti si sono chiusi a oligopolio e si stanno trasformando in comitati elettorali, dall’altra è cambiata la relazione tra «potere» e «servizio». Attraverso la narrazione dei media viene esaltata la dimensione del potere (personale e delle lobbies) e mortificata quella del servizio al bene comune, dove la gratuità e il dono, la giustizia e l’uguaglianza, il merito e la solidarietà sono il fondamento della convivenza sociale. La politica degli ultimi 20 anni si è concentrata sulla policy (le politiche fiscali, il mercato del lavoro, i negoziati con gli organi di Governo europei), trascurando le riforme e la formazione di una nuova classe dirigente. Nella sua prospettiva, il sociologo polacco Bauman propone di uscire dalla crisi promuovendo stili di vita sobri e di scommettere su un «nuovo umanesimo» basato sulla cooperazione.

Acquista il Quaderno

Zygmunt Bauman: il sociologo che ha scrutato i tempi

ABSTRACT — Il 9 gennaio 2017 si è spento Zygmunt Bauman, sociologo polacco tra i più noti interpreti della postmodernità. Bauman aveva 91 anni, una vita «sazia di giorni», secondo la Scrittura: non soltanto per la loro quantità, ma per...