SAN FRANCESCO SAVERIO. LE LETTERE, LA CONVERSAZIONE, IL SOGNO

Quaderno 3745

pag. 14

Anno 2006

Volume III

1 luglio 2006

Nel quinto centenario della nascita di san Francesco Saverio (1506), l’articolo ne presenta un profilo rilevando tre elementi ai quali il missionario dava molta importanza: la scrittura, come mezzo per mantenere il collegamento con i compagni rimasti in Europa e consolarsi con il dare e ricevere notizie; la conversazione, come via per intessere rapporti di amicizia e per aiutare le anime; il sogno, come manifestazione dei suoi desideri e stimolo per procedere autonomamente sulla via tracciata da altri. Francesco divenne presto un modello da imitare: nell’archivio della Compagnia ci sono più di 15.000 lettere di gesuiti che chiedono di partire per le Indie. L’Autore è professore di Storia della Chiesa alla Pontificia Università Gregoriana (Roma).

Acquista il Quaderno