QUANDO IL CINEMA INTERPELLA LA COSCIENZA

Quaderno 3730

pag. 372

Anno 2005

Volume IV

L’uscita simultanea sugli schermi italiani di due film — Non bussare alla mia porta e Niente da nascondere — realizzati negli Stati Uniti e in Francia da registi germanofoni (il tedesco Wim Wenders e l’austriaco Michael Haneke), legati da sottili affinità tecniche e tematiche, fornisce lo spunto a una riflessione sulle capacità che il cinema ha di rivolgersi alla coscienza dell’uomo servendosi dei mezzi specifici del suo linguaggio. L’uscita simultanea sugli schermi italiani di due film — Non bussare alla mia porta e Niente da nascondere — realizzati negli Stati Uniti e in Francia da registi germanofoni (il tedesco Wim Wenders e l’austriaco Michael Haneke), legati da sottili affinità tecniche e tematiche, fornisce lo spunto a una riflessione sulle capacità che il cinema ha di rivolgersi alla coscienza dell’uomo servendosi dei mezzi specifici del suo linguaggio.

Acquista il Quaderno