QUALI PROSPETTIVE PER LA PACE IN MEDIO ORIENTE?

Quaderno 3813

pag. 213

Anno 2009

Volume II

Lo sfondo del Medio Oriente è quello di una «guerra fredda»: non ci sono soltanto le lotte tra israeliani e palestinesi e quelle intestine tra questi ultimi. L’Iran preoccupa i Paesi arabi sunniti, soprattutto l’Arabia Saudita. La novità è che l’Occidente non è più favorevole alla politica di chiusura verso Hamas, Hezbollah, Siria e Iran. Data la maggiore rilevanza strategica iraniana, si ritiene che senza le pressioni statunitensi il nuovo Governo israeliano di Benjamin Netanyahu declasserà la questione palestinese a un «problema interno». I primi due passi attesi per la pace nella Terra Santa sono un accordo di tregua pluriennale tra Israele e Hamas e un accordo su un futuro Governo unitario dell’Autorità Palestinese, altrimenti non verranno sbloccati gli aiuti internazionali per la ricostruzione di Gaza.

Acquista il Quaderno