QUALE LAICITÀ IN INDIA?

Quaderno 3709

pag. 77

Anno 2005

Volume I

Il Partito del Popolo Indiano (BJP), al potere dal 1999, ha perduto le elezioni dell’aprile-maggio 2004 in favore del Partito del Congresso. Mentre quest’ultimo si professa laico, il BJP dichiara la propria «induità». La Costituzione indiana è laica, ma riconosce e protegge le minoranze religiose, mentre il movimento induista teme i musulmani e i cristiani per la loro «dipendenza» da poteri esterni e per il loro proselitismo, e quindi vorrebbe un’India non solo culturalmente e religiosamente, ma anche politicamente indù. L’Autore dirige l’«Istituto del dialogo tra culture e religioni» a Chennai (Madurai-India).

Acquista il Quaderno

Herman Rasschaert

P. Herman Rasschaert nacque nei Paesi Bassi il 13 settembre 1922. Entrato nella Compagnia di Gesù nel 1941, andò come missionario in India nel 1947, dove fece il parroco nel distretto di Ranchi. Un gruppo di fondamentalisti indù lo uccise...