QOÈLET, NICODEMO E LA VITA ETERNA

Quaderno 3958

pag. 356

Anno 2015

Volume II

L’insegnamento di Qoèlet è una profezia che permette di comprendere il significato della vita eterna e del Regno di Dio. Nel quarto Vangelo, infatti, Gesù può riferirsi anche ad esso quando, in un colloquio notturno con Nicodemo, spiega l’ingresso nel Regno di Dio come una nuova nascita e riconduce poi questa rinascita al significato del suo «innalzamento» e alla vita eterna. Il «soffio» di cui parla Qoèlet, e con il quale Qoèlet riassume il suo insegnamento, ha le caratteristiche dello Spirito celebrato a Pentecoste, che Gesù, per il Vangelo di Giovanni, ha donato con il suo «innalzamento» perché le Scritture possano continuare a compiersi nei suoi discepoli come una rinascita «daccapo». Rinascere di nuovo vuol dire sperimentare e testimoniare l’amore di Dio, reso manifesto con l’innalzamento del Figlio dell’Uomo.

Acquista il Quaderno