«PUCCINI E LA FANCIULLA» DI PAOLO BENVENUTI

Quaderno 3819-3820

pag. 292

Anno 2009

Tra il 1908 e il 1910, mentre Giacomo Puccini componeva La fanciulla del West, una ragazza di Torre del Lago, Doria Manfredi, da cinque anni cameriera in casa del musicista, si uccise con il veleno. Sul caso doloroso sono state dette e scritte cose inesatte. Paolo Benvenuti, con il film Puccini e la fanciulla, cerca di ristabilire la verità ricostruendo un quadro d’epoca preciso e ricco di fascino. La pellicola, di pregevole qualità artistica, conferisce alla giovane, vittima di dicerie calunniose, la dimensione che hanno sullo schermo le eroine di certi film di Dreyer.

Acquista il Quaderno

MICHIELETTO CORREGGE PUCCINI

Al Teatro dell’Opera di Roma è stato rappresentato Il trittico di Giacomo Puccini con la regia di Damiano Michieletto. I tre atti unici (Il tabarro, Suor Angelica, Gianni Schicchi), che Puccini voleva fossero rappresentati in un’unica serata, offrono materia di...