PRIMI CONTATTI TRA SANTA SEDE E UNIONE SOVIETICA AL TEMPO DI GIOVANNI XXIII

Quaderno 3904

pag. 326

Anno 2013

Volume I

16.02.2013

A circa 50 anni dai primi approcci tra Santa Sede e Unione Sovietica, l’articolo ne ripercorre le vicende più significative. Tali aperture aiutarono da un lato la Santa Sede e il Papa a prendere in considerazione il problema del rapporto con il comunismo e con i Paesi dell’Est sulla base di nuove categorie interpretative, dall’altro servirono all’Unione Sovietica a uscire dall’isolamento e dalla logica della contrapposizione. Il nuovo clima di distensione venutosi a creare nei rapporti tra Santa Sede e Unione Sovietica ebbe effetti positivi sulla preparazione e sullo svolgimento del Concilio Vaticano II.

Acquista il Quaderno