PAPA FRANCESCO E LA CORRUZIONE

Quaderno 3908

pag. 171 - 179

Anno 2013

Volume II

Nel 1990 i giornali argentini dedicarono molto spazio all’omicidio di una studentessa, Maria Soledad Morales, perpetrato per mano di persone colluse con il potere politico locale. Da quel momento padre Bergoglio comincia a riflettere intensamente sulla corruzione.

Egli la intende innanzitutto come una malattia dello spirito, la quale poi produce frutti avvelenati che fanno «marcire» la vita dell’uomo, mandando in putrefazione il suo cuore e spezzando i suoi legami sociali e con Dio. La corruzione impedisce di rendere il cuore dell’uomo aperto alla misericordia, le strutture sociali e politiche aperte alla giustizia e al bene comune, la Chiesa aperta alla radicalità evangelica. La sfida alla corruzione si annuncia dunque come una di quelle più significative di papa Francesco.

Acquista il Quaderno

La corruzione che uccide

ABSTRACT — Quella di Floribert Bwana Chui — giovane doganiere congolese di Goma — è la storia di un uomo assassinato per non aver ceduto alla corruzione. Conoscerla aiuta a capire le nuove forme di martirio: si tratta di un...

Il Papa, le istituzioni, la corruzione

Il 27 marzo scorso circa 500 parlamentari hanno partecipato alla Messa presieduta da papa Francesco in Vaticano. Un appuntamento segnato dall’austerità sia nella forma sia nella sostanza, nel quale il Papa ha rivolto, durante l’omelia, un messaggio diretto al cuore...