«OGNI MATTINA IL MONDO È CREATO»

Natura e trascendenza nella poesia di Mary Oliver

Antonio Spadaro - Elena Buia

Quaderno 3960

pag. 604 - 617

Anno 2015

Volume II

Mary Oliver è una delle poetesse più lette e amate negli Stati Uniti. È autrice di una poesia chiara e diretta, che trae ispirazione dal mondo della natura: il suo sguardo si posa sul mondo, restituendone una visione gioiosa e pacificante, percependo, a partire dal dato concreto, l’eco dell’inizio, il richiamo della creazione.

Il suo successo è dovuto all’uso di un linguaggio diretto e colloquiale e di uno stile nitido e semplice, tramite i quali la voce della poetessa, dopo aver interpretato le immagini viste o i suoni uditi, si rivolge immediatamente al lettore. L’appello è a rimettersi in gioco, a rivedere interamente la propria vita, a recuperarne autenticità e immediatezza, abbandonando direzioni false e obiettivi sbagliati. Si tratta inoltre di una poesia dalla profonda spiritualità della gratitudine, che dà voce a un’anima sintonizzata, tramite il contatto con la natura, sulla frequenza d’onda della trascendenza.

Acquista il Quaderno