MEDITANDO «IL PRANZO DI BABETTE»

Un film di Gabriel Axel

Virgilio Fantuzzi - Marco Vanelli

Quaderno 4018

pag. 390 - 400

Anno 2017

Volume IV

18 novembre 2017

ABSTRACT – «È dolce e consolante la gioia che deriva dal procurare diletto agli altri». Per illustrare questo concetto nell’Esortazione apostolica Amoris laetitia, papa Francesco trae spunto dal film Il pranzo di Babette (1987), di Gabriel Axel, ispirato a una novella di Karen Blixen. È la prima volta che in un documento pontificio si fa riferimento esplicito a un film. Ma la cosa non ci stupisce più di tanto, se consideriamo l’interesse di questo Papa per il cinema, e in particolare per il film in questione, che in più di un’intervista il Pontefice ha indicato come il suo preferito, assieme a La strada (1954) di Fellini. Per suffragare il suo ragionamento, il Papa cita l’ultima scena del film, a proposito dell’amore gratuito di chi gode appunto nel «procurare diletto agli altri». Papa Francesco precisa che si tratta di «un anticipo del Cielo». Il riferimento fatto dal Pontefice suona anche come un omaggio all’arte, di qualunque genere, che diventa un sacramento di quanto di più creativo e spirituale c’è nell’esistenza degli uomini e una prefigurazione del Regno dei Cieli.

Siamo in Danimarca, intorno al 1884. Lì, in uno sperduto villaggio sul mare, vivono due mature sorelle dedite ad attività caritative e devozionali. Il loro padre era stato il pastore luterano di quel villaggio, nonché decano di una piccola comunità di accoliti impegnati nell’edificazione vicendevole. Le due sorelle hanno nella loro casa una domestica francese, Babette, fatto assai strano, visto l’ambiente rigorosamente protestante, il luogo così solitario e il periodo storico poco incline a convivenze interculturali. Per spiegare il motivo di tale presenza, il film torna indietro nel tempo, per creare una lunga premessa al momento fatidico del pranzo che dà il titolo al racconto.

A trent’anni dalla realizzazione della pellicola vale la pena di soffermarsi ancora una volta sulle sue immagini, per meditarle insieme al Papa e assaporare il rapporto di sottile analogia che intercorre fra la tavola imbandita con mani d’artista e gusto raffinato dalla generosa cuoca francese (e cattolica, anche se nel racconto non viene specificato) nei confronti di una piccola comunità di anziani fedeli luterani danesi, e il banchetto della vita eterna. Parafrasando san Paolo, si può dire che anch’essi siano stati rapiti fino al terzo cielo, e non sanno se con il corpo o fuori del corpo (cfr 2 Cor 12,2), ma proprio grazie al loro corpo rifocillato.

Davvero, alla fine della visione di questo film, viene fatto di augurarsi che nella vita di ognuno di noi peccatori capiti di incontrare una Babette.

********

MEDITATING THE «BABETTE’S FEAST». A movie by Gabriel Axel

«It is sweet and comforting the joy that comes from procuring delight to others». To illustrate this concept in the Apostolic Exhortation Amoris laetitia, Pope Francis draws inspiration from the film Babette’s Feast (1987) by Gabriel Axel, inspired by the novel by Karen Blixen. It is the first time that a papal document explicitly refers to a film. Thirty years after the film’s release, it is worthwhile to dwell on its images once again, to savour the subtle analogy between the banqueting table with the hands of the artist and refined taste by the generous French cook and the banquet of the eternal life.

Per leggere l’articolo integrale, acquista il quaderno 4018.

Acquista il Quaderno

Il Papa come il «Matto»

ABSTRACT – Il bollettino della Sala Stampa della mattina di Pasqua era stato chiaro: «Il Papa non tiene l’omelia poiché alla Messa fa seguito la Benedizione “Urbi et Orbi” con il Messaggio pasquale». Francesco però poi ha deciso comunque di...

Al circo con Fellini

ABSTRACT — In occasione del «Giubileo dello spettacolo viaggiante», che si è celebrato in Vaticano giovedì 13 giugno 2016, papa Francesco, rivolgendosi agli artisti che avevano eseguito davanti a lui alcuni numeri del loro repertorio, uno dei quali ispirato al...