MALINCONIA, NOIA, SOLITUDINE

Quaderno 3926

pag. 213

Anno 2014

Volume I

La nota delinea innanzitutto la concezione che della malinconia, della noia e della solitudine ebbe Romano Guardini e poi la applica al caso del suicidio di un ragazzino romano che ha lasciato tutti sgomenti e che ha riproposto il problema dell’educazione nella famiglia e nella scuola. Occorre presentare ai giovani mete desiderabili e figure positive di riferimento. Si deve promuovere la condivisione del compito educativo tra genitori e professori, la «genitorialità compartecipata».

Acquista il Quaderno