LE VITTIME DEI REATI E IL LORO DOLORE

Quaderno 3981

pag. 264 - 274

Anno 2016

Le vittime dei reati sono i grandi assenti dell’Ordinamento. Anche quando vengono risarcite dallo Stato, il loro dolore non cessa e si sedimenta nella memoria della società.

Esistono però gesti compiuti da loro o dalle loro famiglie che stanno fecondando una nuova idea di giustizia, in cui la visione riparativa integra quella retributiva. La riparazione si fonda su una domanda: cosa può essere fatto per riparare il danno? E richiede, come primo passo, il coraggio delle vittime di incontrare il reo. Si tratta di cammini faticosi e lunghi, che spesso portano i colpevoli a rivedere il male compiuto. È però necessario che la società, prima dello Stato, scelga questo modello senza politicizzarlo. 

Acquista il Quaderno

LA GIUSTIZIA RIPARATIVA. Verso una nuova idea della pena

La via della «giustizia riparativa o riconciliativa» è considerata dalla dottrina penalistica la migliore integrazione dei modelli di «giustizia retributiva» e «giustizia riabilitativa», oggi in crisi. Questo modello permette sia di offrire alle vittime un ruolo attivo, sia di restituire...