foto: kremlin.ru

LE ELEZIONI PRESIDENZIALI IN RUSSIA

Quaderno 4023

pag. 246 - 255

Anno 2018

Volume I

3 febbraio 2018

ABSTRACT – Chi sarà il prossimo presidente della Federazione russa, nelle elezioni del marzo 2018? La domanda è, per molti analisti, retorica, sebbene i candidati in lizza siano parecchi: l’unico vero oppositore, Alexei Navalny, è stato escluso dalle elezioni per via giudiziale. Gli altri candidati, sia il radicale di destra Zhirinovsky, sia il comunista Grudinin, che dirige una delle ultime grandi imprese agricole rimaste dall’era sovietica, sia Ksenia Sobchak, che si presenta come liberale, costituiscono, in un certo senso, un’opposizione apparente.

La Russia non è ancora pronta a grandi cambiamenti e Putin è dunque considerato un sicuro vincitore. Il suo sistema, nonostante tutte le critiche che merita, appare a molti – nell’elite economica e dell’apparato statale, come anche tra tanti cittadini di ogni condizione – in grado di perseguire una politica che soddisfi gli interessi e le aspirazioni di buona parte della popolazione.

«Il popolo tace sempre»: scriveva Alexander Puškin nel Boris Godunov. Se si leggono gli organi di informazione liberali, critici nei confronti del «regime», se ne ricava l’immagine di una Russia che non ha futuro sotto questo governo. Eppure l’opposizione non riesce a mobilitare la popolazione per chiedere un vero cambiamento politico. I russi, prevalentemente, non protestano; anzi, vanno alle urne ed eleggono i rappresentanti di chi detiene il potere, il quale non ha nemmeno bisogno di applicare una dura repressione per conservarlo. Perché, dunque?

Nel Paese vige una sorta di «democrazia alla russa», non nel senso del potere del popolo, ma nel senso che le élites al potere – a differenza degli anni Novanta – rappresentano più o meno le aspirazioni e l’interesse della gente, e cercano di realizzarli, senza ovviamente dimenticare i propri interessi. In questo sistema vige il cosiddetto «contratto sociale»: ora, essendo il Cremlino riuscito a produrre una modesta ripresa economica nel 2017, il governo ritiene di aver adempiuto alla sua parte del contratto; per questo si aspetta che anche la popolazione adempia alla sua, riconfermandolo al potere.

La generazione attuale, cresciuta negli anni Novanta, è troppo traumatizzata dall’esperienza del caos, della povertà e dell’illegalità di quel periodo. Dopo l’«illusione» che con le elezioni del primo presidente russo Eltsin, nonostante l’opposizione dell’élite comunista, si potesse costruire una democrazia, e che anzi esistesse già. Per questo dunque accetta l’autoritarismo – che si presenta anche come patriottismo – come un male minore.

La democrazia è una cultura, e non un uomo nuovo al potere. Qualcosa di veramente nuovo potrà arrivare solo da un cambio generazionale.

*******

PRESIDENTIAL ELECTIONS IN RUSSIA

At the presidential elections, to be held in March 2018,  Putin’s victory appears to be a foregone conclusion because Russia is not yet ready for a change of power. The main reason many analysts believe that he will remain in power is that Putin and his system, despite all the criticism they deserve, are better able to pursue a policy that satisfies the interests and aspirations of a large percentage of the population than the current opposition is able to. In Russia, the so-called «social contract» applies: since the Kremlin succeeded in producing a modest economic recovery in 2017, the government believes that it has fulfilled its part of the contract; this is why it expects the population to fulfill its own. Something really new can only come from a generational change. The Author teaches at the «St. Thomas» Theological Institute in Moscow.

Per leggere l’articolo integrale, acquista il quaderno 4023.

Acquista il Quaderno

Storia della Russia ortodossa

ABSTRACT – Il lavoro dello storico e giurista Giovanni Codevilla, intitolato Storia della Russia e dei Pae­si limitrofi. Chiesa e Impero, diviso in quattro volumi, colma una grave lacuna della ricerca storica sul mondo slavo orientale. Secondo lo storico Franco...

La Russia tra l’Europa e l’Asia

ABSTRACT – Dopo aver guardato per decenni ad Occidente, la Russia è stata posta, dalla crisi ucraina iniziata nel 2014, in una nuova condizione sullo scacchiere internazionale. Questo è avvenuto proprio quando si stava per consolidare una collaborazione tra la...