foto: Nasa/JPL-Caltech

L’ASTROBIOLOGIA E NOI

Le implicazioni sociali e politiche di una scienza «nuova»

Quaderno 4003

pag. 3 - 15

Anno 2017

Volume II

ABSTRACT — L’astrobiologia «studia l’origine e l’evoluzione della vita sulla Terra e la possibile varietà della vita altrove». Spesso confusa con la ricerca di intelligenza extraterrestre (Search for Extraterrestrial Intelligence, Seti), si tratta di un ambito di ricerca scientifica interdisciplinare in rapido sviluppo.

Nell’anno accademico 2015-16 un gruppo internazionale di dodici docenti, di cui dieci teologi, promosso dal Centro di ricerca teologica (Center of Theological Inquiry) di Princeton (New Jersey, Usa), ha riflettuto su questa nuova branca di ricerca.

La ripetuta interazione fra teologi e astrobiologi ha permesso di raggiungere due obiettivi. In primo luogo, gli astrobiologi coinvolti nel gruppo hanno consentito ai teologi di acquisire conoscenze specifiche su questo nuovo ambito di ricerca, per poter promuovere una comprensione teologica della creazione e della vita umana fondata sull’Incarnazione e animata da essa. In secondo luogo, si sono definite insieme alcune implicazioni sociali dell’astrobiologia e alcune proposte per affrontarle.

Nella comune intenzione di considerare bene quale tipo di società e di condizioni di vita vogliamo per noi e per le generazioni future, la riflessione si è estesa a ciò che anima la ricerca scientifica, astrobiologica e teologica. Dal punto di vista morale, sul «come fare ricerca», sono possono essere proposte quattro caratteristiche:

  1. Una ricerca democratica. L’astrobiologia dovrebbe essere una scienza profondamente aperta e inclusiva.
  2. Una ricerca trasparente. Quali conoscenze scientifiche si stanno effettivamente perseguendo? Ci sono logiche nascoste, come nel caso delle cosiddette «ricerche dual use (a doppia finalità)»?
  3. Una ricerca accessibile. La democratizzazione e la trasparenza implicano la capacità di rendere accessibili ricerche e dati anche per coloro che hanno risorse finanziarie limitate per perseguire la ricerca scientifica.
  4. Una ricerca divulgabile. A livello sociale, la divulgazione richiede uno sforzo educativo. Favorire la diffusione di conoscenze scientifiche implica la creazione delle condizioni per poter acquisire tali conoscenze.

I princìpi di democratizzazione, trasparenza, accessibilità e divulgabilità rappresentano un approccio etico costruttivo alla ricerca scientifica. Questo va però integrato con un’ermeneutica critica che esamini obiettivi e progetti.

Alcuni media sostengono, infine, che se l’astrobiologia scoprisse altre forme di vita nello spazio, l’esistenza stessa delle attuali religioni ne risulterebbe gravemente minacciata. Ma a quale genere di religione si fa riferimento?

********

ASTROBIOLOGY AND US. The social and political implications of a «new» science.

Astrobiology «studies the origin and evolution of life on Earth and the possible variety of life elsewhere». It is an interdisciplinary field of scientific research in rapid development. A team of scholars, composed of theologians and astrobiologists has been investigating the social implications of this new branch of science. Their findings have become an opportunity to evaluate how scientific research is conducted today and to propose, in this regard, a number of ethical paradigms. In addition,  to understand whether and how theology and astrobiology can be mutually supportive; in particular whether and how astrobiological research can promote a theological understanding of creation, and of human life founded on, and animated by, the Incarnation.

Per leggere l’articolo integrale, acquista il quaderno 4003.

Acquista il Quaderno