LA TRIPLICE CATASTROFE GIAPPONESE

Quaderno 3862

pag. 399

Anno 2011

Volume II

Da lunedì 11 marzo 2011 il Giappone sta vivendo «la più grande tragedia dalla seconda guerra mondiale», secondo il premier Naoto Kan. Alle 14,46, ora locale, un terremoto di magnitudo 9 secondo la scala Richter ha colpito la costa orientale dell’isola di Honshu, la più grande dell’arcipelago. L’epicentro era situato in pieno oceano, a 24 chilometri di profondità. E l’energia sprigionata ha prodotto un immenso tsunami. Se si includono i dispersi, le vittime sono circa 28.000, e decine di migliaia gli sfollati. A tutto ciò si è aggiunto il disastro nucleare alla centrale atomica di Fukushima Daiichi. La comunità politica mondiale, alla vigilia del G8 e in preparazione del G20, si trova davanti all’urgenza di definire un nuovo trattato sulla sicurezza del nucleare civile che rafforzi i poteri ispettivi anche internazionali.

Acquista il Quaderno