LA SANTA SEDE E IL NAZISMO

Quaderno 3684

pag. 552

Anno 2003

Volume IV

L’articolo, utilizzando la documentazione inedita dell’Archivio vaticano, tratta del rapporto tra nazionalsocialismo e Chiesa cattolica al tempo in cui Hitler diventava cancelliere del Reich. Esso intende sfatare alcuni luoghi comuni secondo i quali la Santa Sede avrebbe reso possibile, attraverso il partito cattolico di Centro, l’avvento al potere del nazismo in Germania. Dalle fonti di archivio risulta invece che il Vaticano non fu preventivamente informato sulle trattative che intercorsero tra Hitler e i capi del Zentrum circa la questione della legge sui pieni poteri. Questi, infatti, agirono autonomamente con l’intenzione di preservare la pace sociale e politica e salvare la Costituzione.

Acquista il Quaderno

La Santa Sede tra nazismo e crisi spagnola

Nel 1935, un giornale di Colonia attaccava l’anonimo estensore dell’Avvenire d’Italia per le sue «Lettere da Berlino». Il corrispondente, con lo pseudonimo di «Renano», denunciava le aberrazioni ideologiche del regime nazista e le violenze contro la Chiesa. Si supponeva che...