LA PRIMAVERA «LEGGERA» DEL KUWAIT

Quaderno 3882

pag. 607

Anno 2012

Volume I

Nell’Emirato del Kuwait, lo scorso 2 febbraio, si sono tenute le elezioni parlamentari, le quarte dal 2006, anticipate di un anno. L’Assemblea nazionale kuwaitiana è uno dei pochi organi eletti nel Golfo capaci di sfidare le politiche della casa reale e di presentare mozioni di sfiducia contro ministri e funzionari pubblici. La «primavera araba» ha avuto effetti marginali — forse evolutivi — sul Kuwait. Ma un leggero contagio c’è stato. Gli islamisti hanno più voce in Parlamento, e nessuna donna ha più un seggio da deputato o un incarico ministeriale. La Costituzione del Kuwait però tutela la libertà religiosa. Sempre di più il Paese è esposto ai rischi di un conflitto internazionale contro l’Iran.

Acquista il Quaderno

Il dibattito su democrazia e mondo islamico a cinque anni dalle «primavere arabe»

A cinque anni di distanza dalle vicende delle cosiddette «primavere arabe» la questione del rapporto tra islam e democrazia, o meglio della possibilità di condividere a livello globale valori comuni in merito alla democrazia sostanziale e alla tutela dei diritti,...