LA PERVERSIONE DEL DIRITTO: LA TORTURA

Quaderno 3703

pag. 25

Anno 2004

Volume IV

2 ottobre 2004

L’articolo intende dimostrare come la pratica della tortura sia illegale, immorale e, radicalmente, antigiuridica. In una prospettiva puramente positivistica, la sua illegalità è dovuta all’essere contraria a diverse Convenzioni internazionali e alla Carta dei diritti dell’uomo a cui l’Italia ha aderito; la sua immoralità è data dall’impossibilità di una sua giustificazione teorica, essendo la tortura giustificabile soltanto nell’inaccettabile prospettiva proporzionalista; l’antigiuridicità è data dal suo carattere antisociale e violento, poiché essa rappresenta il rinnegamento assoluto della persona, del torturato come del torturatore, e rinnega così i princìpi fondamentali della libertà e dell’uguaglianza.

Acquista il Quaderno