LA MORTE: FINE O PRINCIPIO? LA RISPOSTA DELLA LETTERATURA

Quaderno 3871

pag. 22

Anno 2011

Volume IV

Il pensiero della morte, soprattutto negli ultimi decenni, è diventato un tabù, molesto e antiquato, una realtà da accantonare, anzi da dimenticare. Vana illusione. La morte domina la vita perché sua componente essenziale. L’articolo prima presenta gli atteggiamenti di quanti considerano la morte come fine di tutto, come vanificazione della vita nel nulla, poi illustra il convincimento di quanti — agnostici o credenti — credono nella sopravvivenza. Nel cristianesimo questa sopravvivenza si configura a quella del Cristo risorto: reale, personale, nuova dimensione dell’essere umano.

Acquista il Quaderno