LA MALINCONIA NEL TEMPO DELLA POSTMODERNITÀ

Quaderno 3650

pag. 132

Anno 2002

Volume III

L’uomo della postmodernità, perduti gli orizzonti di riferimento e le sicurezze che ne derivano, è malato di malinconia e di nostalgia ed è tentato di indifferenza e di noia. L’articolo parte da questo dato di fatto, passa sinteticamente in rassegna il doppio rapporto malinconia-depressione e malinconia-nostalgia, si sofferma sulla particolare malinconia che accompagna ogni trapasso epocale e conclude delineando il senso cristiano della malinconia. Questa, secondo Guardini, è «l’inquietudine dell’uomo che avverte la vicinanza dell’infinito». Tale apertura a ciò che è eterno, superando il dolore presente, permette di distinguere una malinconia buona da una malinconia cattiva.

Acquista il Quaderno